Recovery and Resilience Facility: dichiarazione congiunta associazioni europee trasporti e logistica

«I settori dei trasporti e della logistica sono fondamentali per fornire ai cittadini dell’Ue i beni e la mobilità essenziali per la loro salute e il loro benessere e saranno i principali fattori abilitanti per una ripresa sostenibile e resiliente dell’economia europea». È quanto affermano in una dichiarazione congiunta le associazioni europee dei trasporti e della logistica a proposito del Recovery and Resilience Facility.

«Il 9 febbraio – si legge nel documento – il Parlamento europeo ha approvato l’accordo sulla proposta di regolamento che istituisce uno strumento di recupero e resilienza (RRF). Con un budget di 672,5 miliardi di euro, l’RRF è il principale strumento dell’UE per la ripresa dalla crisi causata dal COVID-19. Pur essendo duramente colpito dalla pandemia e dalle varie misure restrittive, il settore dei trasporti ha dimostrato il suo ruolo cruciale nell’approvvigionamento di merci e nella circolazione delle persone e si è quindi dimostrato indispensabile per un’Unione europea funzionante».

«Le sottoscritte associazioni europee – prosegue il documento – rappresentative dei trasporti, gestori delle infrastrutture, operatori, lavoratori di tutte le modalità del trasporto e della logistica, appaltatori, enti locali e regionali, fornitori di servizi logistici, caricatori, utenti, cantieri navali e fornitori di attrezzature nel settore marittimo, porti, vie navigabili interne, ferrovie , strada, ciclismo, aviazione, aeroporti e settori intermodali, oltre a sostenere industrie e imprese, invitano congiuntamente gli Stati membri e la Commissione europea a garantire che il settore dei trasporti riceva un’adeguata considerazione nei piani nazionali di ripresa e resilienza e sottolineano che i settori dei trasporti e della logistica sono fondamentali per fornire ai cittadini dell’Ue i beni e la mobilità essenziali per la loro salute e il loro benessere e saranno i principali fattori abilitanti per una ripresa sostenibile e resiliente dell’economia europea; ribadiscono che il Green Deal europeo richiede una riduzione del 90% delle emissioni di gas a effetto serra dai trasporti, il che richiede investimenti sostanziali nelle infrastrutture e nelle flotte di trasporto; sottolineano che gli obiettivi del Green Deal affinché l’Europa diventi un’economia climaticamente neutra entro il 2050 possono essere raggiunti solo aumentando la sostenibilità del settore dei trasporti; da notare che il bilancio del meccanismo Connecting Europe Facility II non è sufficiente per consentire la necessaria trasformazione; invitano gli Stati membri a presentare nei loro piani di ripresa e resilienza misure che facilitino il trasporto e la digitalizzazione economicamente e socialmente sostenibili nei settori dei trasporti e della logistica, misure che promuovano la coesione e la connettività, promuovendo città e regioni vivibili, sostenendo una transizione giusta, sostenendo strategie per filiere sostenibili diversificate al fine di rafforzare la resilienza dell’Europa, nonché misure che preparano la forza lavoro dei trasporti alla trasformazione digitale basata su un dialogo sociale inclusivo; invitano la Commissione europea a considerare l’importanza delle misure di trasporto economicamente e socialmente sostenibili nella loro valutazione dei piani nazionali di ripresa e resilienza».

La dichiarazione congiunta è stata sottoscritta da: ACI EUROPE – Airports Council International Europe; ASECAP – European Association of Operators of Toll Road Infrastructures; BPO – Baltic Ports Organisation; CLECAT – European Association for Forwarding, Transport, Logistics and Customs Services; CLIA EUROPE – Cruise Lines International Association; CPMR – Conference of Peripheral Maritime Regions ; DYVOLVE – Consulting in Sustainable Urban Mobility; EBU – European Barge Union; ECASBA – European Community Association of Shipbrokers and Agents; ECG – Association of European Vehicle Logistics; ECSA – European Community Shipowners’ Associations; EFIP – European Federation of Inland Ports; EMPA – European Maritime Pilots’ Association; ERF –European Union Road Federation; ERFA – European Rail Freight Association; ESC – European Shippers’ Council; ESPO – European Sea Ports Organisation; ESPORG – European Secure Parking Organisation; ETA – European Tugowners Association; ETF – European Transport Workers’ Federation; EuDA – European Dredging Association; EUROPLATFORMS – European Association of Logistics Platforms; FEPORT – Federation of Private Port Operators and Terminals; FIEC – European Construction Industry Federation; INE – Inland Navigation Europe; IWI – Inland Waterways International; POLIS – European Cities and Regions Networking for Innovative Transport Solutions; SEA EUROPE – the voice of civil and naval (maritime technology) industries in Europe; UETR – European Road Haulers Association; UIP – International Union of Wagon Keepers; UITP – International Association of Public Transport; UNISTOCK – European association of professional portside storekeepers for agribulk commodities.

L'articolo Recovery and Resilience Facility: dichiarazione congiunta associazioni europee trasporti e logistica sembra essere il primo su Liguria Business Journal....

Leggi tutto

Tags: [+]transport Navigation road trasporti infrastrutture strada cantieri Toll ASECAP toll road aid Connecting Europe Facility Businness Journal Liguria European Cities and Regions Networking for Innovative Transport

Fonte: Businness Journal Liguria