Il convegno mondiale di Seoul porta la sicurezza in Italia

Seoul, capitale della Corea del Sud ha ospitato tra il 2 e il 6 novembre dello scorso anno il XXV Congresso mondiale della strada della World Road Association (AIPCR). La scelta del luogo non è stata casuale se si considera che le strade di Seoul hanno più corsie di marcia di quelle di New York, che i ponti sono veri capolavori d’ingegneria e che l’elettronica applicata ai sistemi di trasporto è diventata un’eccellenza mondiale.
L’Italia in quell’occasione ha ricevuto grandi riconoscimenti dai 122 Stati che compongono l’Associazione mondiale della Strada i quali hanno affidato alla nostra nazione il coordinamento delle politiche mondiali sulla sicurezza stradale e delle politiche mondiali sulla sicurezza contro gli attentati terroristici alle infrastrutture stradali.
Sarà infatti Roberto Arditi (SINA – gruppo Gavio, AIPCR) a presiedere il comitato tecnico mondiale sulla sicurezza stradale e Saverio Palchetti (Anas, AIPCR) a coordinare la task force mondiale sulla security. L’ing. Gianni Armani, presidente e AD di ANAS, ed ora anche a capo del Comitato italiano dell’AIPCR, ha interpretato questi riconoscimenti come “un segno di grande fiducia nei confronti dell’Italia rispetto alle politiche sulla sicurezza, in cui il nostro Paese ha compiuto progressi importanti ottenendo credibilità internazionale” e ha annunciato che nel 2016 verrà organizzato un grande evento internazionale sulla sicurezza stradale in cui verranno coinvolti i Paesi del mondo che “hanno ottenuto i migliori risultati sulla prevenzione degli incidenti stradali, in modo da mettere a fattor comune le migliori pratiche diffuse in tutto il mondo sulla sicurezza stradale”. Alcuni giorni dopo la riunione di Seoul l’associazione Mondiale ha confermato una ulteriore presidenza per l’Italia: l’ing. Massimo Schintu assumerà la presidenza della task force per la finanza innovativa per la costruzione e gestione delle reti stradali.


L’Italia ha presentato al Congresso mondiale di Seoul documenti di rilievo internazionale che hanno suscitato grande interesse. Tra gli altri, i papers illustrati dall’ing. Pierluigi De Marinis, direttore sistemi informativi di Anas, sul tema del “Road Management and Operation services supported by ITS – The experience of Anas SPA” e dal direttore generale di AISCAT e vice presidente AIPCR per l’Italia, ing. Massimo Schintu sul tema “Evaluation and Future of Road Toll Concession”. Questi documenti sono stati resi pubblici anche all’interno dell’esposizione internazionale, a cui l’Italia ha partecipato con uno stand inaugurato dall’ambasciatore italiano a Seoul, Marco Della Seta, e visitato da Ministri e rappresentanti autorevoli di tutti gli Stati del mondo. “Nello stand Italia a Seoul – continua Armani – grande interesse hanno suscitato le iniziative internazionali di ANAS, già presente in Libia, Algeria, Colombia e Qatar ed intenzionata ad espandersi in altre aree del mondo. In Corea del Sud vi sono state importanti interlocuzioni con i Ministri degli Emirati Arabi e del Madagascar, oltre ad autorevoli rappresentanti di Arabia Saudita e di altri Paesi”. “In quasi un secolo di storia”- conclude Armani – “l’Anas ha accumulato un sapere tecnico sulle strade che da un lato può essere condiviso all’interno dell’Associazione mondiale della strada, dall’altro può essere acquistato da Paesi del mondo interessati ad utilizzare la nostra esperienza tecnica sulla progettazione, il controllo e la gestione delle strade”.


Nell’esposizione mondiale, il padiglione italiano ha rappresentato una grande attrazione sia per l’originalità della struttura in legno tricolore, sia per la qualità degli eventi, dedicati ad Anas International (rappresentata da Laurent Franciosi) ed alla presentazione del Terzo Ponte sul Bosforo da parte di Astaldi (rappresentata dal direttore generale Luciano De Crecchio, da Roberto Sorge e Mario Mancini). L’impegno ideativo dell’arch. Gianluca Bonoli (Anas), che ha progettato lo stand, ed organizzativo di Leonardo Annese (Anas, AIPCR) ha consentito al comitato italiano di AIPCR di presentarsi alla cerimonia di inaugurazione del padiglione Italia con le carte in regola: oltre duecento persone provenienti da tutto il mondo hanno regalato parole di apprezzamento per il padiglione, brindando con l’ambasciatore Della Seta, con il sottoscritto, con gli alti dirigenti di AIPCR Italia Maria Pia Cerciello, Massimo Schintu e Ciro Esposito e con i professori universitari Michele Mele, Maurizio Crispino, Vittorio Nicolosi, Romano Borchiellini, Ciro Caliendo, tutti protagonisti nei comitati tecnici dell’Associazione mondiale della strada.
L’ambasciatore italiano a Seoul, Marco Della Seta, ha spiegato al folto pubblico quanto sia importante per l’Italia l’amicizia con il popolo coreano, un popolo accogliente e intraprendente, che non si è arreso alla sofferenza ed alla guerra, che ha fatto la sua fortuna investendo sulla ricerca, che offre agli studenti più capaci i posti di lavoro migliori e che sta diventando, soprattutto nel campo delle costruzioni, un partner eccellente per molte imprese italiane.
Anche il pubblico coreano, accolto nello stand italiano dalla brillante Kim Mijin, ha mostrato grande interesse per i documenti sul patrimonio tecnico di Anas, per il filmato storico di AISCAT, per le presentazioni del Politecnico di Milano e infine per il Terzo Ponte sul Bosforo di Astaldi, il più largo ponte (sospeso e strallato) al mondo, oltre che quello con le torri più alte, che fa parte del progetto autostradale turco della North Marmara Highway. Nel corso dell’evento di presentazione, i rappresentanti di Astaldi, socio AIPCR, hanno spiegato che l’impalcato più largo al mondo è composto da 2 carreggiate a 4 corsie ciascuna, separate da un corridoio ferroviario centrale a doppio binario, per una larghezza complessiva di 59 metri.
L’Italia torna infine da Seoul anche con l’orgoglio degli apprezzamenti ricevuti pubblicamente dal comitato nazionale AIPCR per l’attivismo mostrato e le originali iniziative intraprese per diffondere la conoscenza dell’associazione mondiale della strada. Il segretariato generale mondiale di AIPCR ha riconosciuto l’Italia come esempio per tutti gli altri Paesi per l’articolazione dei comitati tecnici, per l’organizzazione del sito internet (www.aipcr.it), per la massiccia presenza sui social media, per l’organizzazione dei concorsi per le migliori tesi di laurea e le migliori fotografie dedicate alle strade.

L'articolo Il convegno mondiale di Seoul porta la sicurezza in Italia proviene da Autostradafacendo.it....

Leggi tutto

Tags: [+]stradali infrastrutture stradali Autostradale Aiscat strada corsie di marcia strade ponti coinvolti Astaldi auto Gianni Armani road marcia Pierluigi De Marinis stradale highway Laurea infrastrutture Toll Maurizio Crispino Autostradafacendo contro Milano sicurezza stradale Massimo SCHINTU SINA prevenzione sicurezza corsie Gavio ponte Roberto ARDITI ANAS incidenti stradali incidenti carreggiate

Fonte: Autostradafacendo